Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

La campagna vaccinale per il Covid-19 è iniziata il 27 dicembre e tutti coltiviamo la speranza che i vaccini contro il Covid-19 possano essere efficaci nella lotta al virus.

Immaginando che il vaccino sia efficace nelle modalità indicate dagli studi pubblicati sulle riviste scientifiche, vediamo, conti alla mano, quanto dovrà durare la campagna vaccinale per raggiungere un numero adeguato a proteggere la popolazione.

 

Le fasi del piano strategico nazionale

Il piano strategico nazionale per la somministrazione della vaccinazione anti-COVID-19, come riportato dal sito del Ministero della Salute (1), è diviso in 4 fasi, che individuano le categorie da vaccinare in via prioritaria.

Le dosi di vaccino da somministrare per completare la prima fase sono circa 13 milioni (ricordiamo che i vaccini finora a disposizione necessitano di doppia somministrazione), in quanto sono state stimate circa 6,5 milioni di persone appartenenti a questa prima fase (operatori sanitari e sociosanitari e anziani over 80).

 

Dettaglio delle 4 fasi del piano vaccinale

  • FASE 1. Platea di 6.483.000 persone. Vaccino indicato: Pfizer/Moderna.
  • FASE 2. Platea di 19.862.582 persone (over 55 e persone vulnerabili). Vaccino indicato: Pfizer/Moderna.
  • FASE 3. Platea di 3.894.847 persone (personale scolastico e universitario, Forze Armate, luoghi di comunità). Vaccino indicato: Astrazeneca.
  • FASE 4. Platea di 20.533.289 persone (resto della popolazione over 16). Vaccino indicato: a seconda della disponibilità.

fasi piano strategico vaccinale covid italia

 

I dati ad oggi della campagna vaccinale Covid-19 in Italia

  • Ad oggi sono state somministrate in Italia 13.032.996 di vaccino. (Dati del 11/04/2021 ore 6.06).
  • Il totale delle persone vaccinate è 3.924.664 (a cui sono state somministrate sia la prima che la seconda dose di vaccino), cioè: 6,51% del totale della popolazione.
  • La percentuale di avanzamento verso l’immunità di gregge è: 15,43% (4).
  • Le dosi a disposizione sono 15.575.830 (10.259.730 Pfizer/BioNTech – 1320.400 Moderna – 3.995.700 AstraZeneca), di cui ne è stato somministrato: 83,67%.

Di seguito un grafico che riporta il numero di somministrazioni giornaliere e il totale delle somministrazioni.

Quando raggiungeremo l’immunità di gregge?

A questo punto è naturale chiedersi: se mantenessimo l’efficienza di circa 80.000 somministrazioni al giorno, quando riusciremo a proteggere il 70% della popolazione (individuato come obiettivo per raggiungere l’immunità di gregge)?
Abbiamo fatto qualche proiezione tenendo conto dei seguenti dati:

  • sono necessarie due dosi di vaccino per ogni persona;
  • supponiamo che dopo 7 giorni dalla prima somministrazione si abbia una protezione del 50% e che dopo 7 giorni dalla seconda vaccinazione, somministrata a circa 20 giorni di distanza dalla prima, si abbia invece una protezione del 95% (3) per circa un mese;
  • assumiamo che la protezione data dal vaccino diminuisca nel tempo (abbiamo assegnato una probabilità di protezione via via inferiore ogni mese (5)).

Abbiamo ricavato che al 10 ottobre 2021 le persone protette saranno circa 8,5 milioni (linea verde del grafico), circa 1/5 del valore soglia dell’immunità di gregge (linea blu).

E se aumentassimo l’efficienza del sistema e riuscissimo a somministrare 100.000 vaccini al giorno? Al 10 ottobre il numero di persone protette sarà di circa 20 milioni (linea rossa), meno della metà del valore soglia.

 

Qual è la graduatoria delle regioni più virtuose?

 

Le regioni stanno somministrando tutte le dosi di vaccino a loro disposizione?

Rimandiamo alle pagine dedicate all’andamento della vaccinazione per il Covid-19, regione per regione:

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

 

Fonti e note

  1. Ministero della Salute – Piano strategico nazionale vaccinazione anti-COVID-19
  2. Fonte Ansa
  3. https://www.pfizer.com/science/coronavirus/vaccine
  4. Questo valore riporta il rapporto tra le dosi somministrate e le somministrazione necessarie per vaccinare il 70% della popolazione (identificato come valore soglia per l’immunità di gregge): abbiamo calcolato il 70% degli abitanti italiani e moltiplicato per 2 questo dato, in quanto i vaccini a disposizione fino ad oggi necessitano di 2 somministrazioni.
  5. Ad esempio, dopo il secondo mese abbiamo assegnato una protezione del 93%, dopo il terzo del 90%, e così via. Non possiamo ancora sapere con esattezza il valore di questi dati.

 

Per approfondire:

 

 

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. Maria

    Voglio morire di Astrazeneca, piuttosto che continuare con questo modo di vivere. E poi chissà ?

  2. Paolo

    274000 vaccinati in fvg sono circa il 20% della popolazione regionale che è di 1,25 milioni e, considerato che molti ultrsottantenni non sono ancora vaccinati e che le cosiddette categorie a rischio non dovrebbero superare i 60.000 addetti (sanita, polizie varie, scuola) secondo una mia opinabilissima ed approssimativa stima, chi altro è stato vaccinato visto che le persone con patologie e gli ultrasettantenni sembrano di la da venire?

    1. Samanta Zagani

      Buonasera Paolo, grazie del commento. Mi permetto solo di correggere i dati che lei riporta: dal report ufficiale troviamo che il numero di dosi somministrate ad oggi in Friuli Venezia Giulia è 174.687 (non 274.000). Siccome il dato si riferisce alle dosi somministrate e non alle persone vaccinate (al momento infatti sono necessarie due dosi di vaccino per ogni persona), possiamo stimare, in modo molto approssimativo, che le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino siano circa 85.000/90.000, o poco più.
      Su chi altro sia stato vaccinato al di fuori del piano di vaccinazione non saprei risponderle.
      Un saluto cordiale.

Lascia un commento

Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

Efficacia del piano di vaccinazione per il Covid-19 in Italia

La campagna vaccinale per il Covid-19 è iniziata il 27 dicembre e tutti coltiviamo la speranza che i vaccini contro il Covid-19 possano essere efficaci nella lotta al virus.

Immaginando che il vaccino sia efficace nelle modalità indicate dagli studi pubblicati sulle riviste scientifiche, vediamo, conti alla mano, quanto dovrà durare la campagna vaccinale per raggiungere un numero adeguato a proteggere la popolazione.

 

Le fasi del piano strategico nazionale

Il piano strategico nazionale per la somministrazione della vaccinazione anti-COVID-19, come riportato dal sito del Ministero della Salute (1), è diviso in 4 fasi, che individuano le categorie da vaccinare in via prioritaria.

Le dosi di vaccino da somministrare per completare la prima fase sono circa 13 milioni (ricordiamo che i vaccini finora a disposizione necessitano di doppia somministrazione), in quanto sono state stimate circa 6,5 milioni di persone appartenenti a questa prima fase (operatori sanitari e sociosanitari e anziani over 80).

 

Dettaglio delle 4 fasi del piano vaccinale

  • FASE 1. Platea di 6.483.000 persone. Vaccino indicato: Pfizer/Moderna.
  • FASE 2. Platea di 19.862.582 persone (over 55 e persone vulnerabili). Vaccino indicato: Pfizer/Moderna.
  • FASE 3. Platea di 3.894.847 persone (personale scolastico e universitario, Forze Armate, luoghi di comunità). Vaccino indicato: Astrazeneca.
  • FASE 4. Platea di 20.533.289 persone (resto della popolazione over 16). Vaccino indicato: a seconda della disponibilità.

fasi piano strategico vaccinale covid italia

 

I dati ad oggi della campagna vaccinale Covid-19 in Italia

  • Ad oggi sono state somministrate in Italia 13.032.996 di vaccino. (Dati del 11/04/2021 ore 6.06).
  • Il totale delle persone vaccinate è 3.924.664 (a cui sono state somministrate sia la prima che la seconda dose di vaccino), cioè: 6,51% del totale della popolazione.
  • La percentuale di avanzamento verso l’immunità di gregge è: 15,43% (4).
  • Le dosi a disposizione sono 15.575.830 (10.259.730 Pfizer/BioNTech – 1320.400 Moderna – 3.995.700 AstraZeneca), di cui ne è stato somministrato: 83,67%.

Di seguito un grafico che riporta il numero di somministrazioni giornaliere e il totale delle somministrazioni.

Quando raggiungeremo l’immunità di gregge?

A questo punto è naturale chiedersi: se mantenessimo l’efficienza di circa 80.000 somministrazioni al giorno, quando riusciremo a proteggere il 70% della popolazione (individuato come obiettivo per raggiungere l’immunità di gregge)?
Abbiamo fatto qualche proiezione tenendo conto dei seguenti dati:

  • sono necessarie due dosi di vaccino per ogni persona;
  • supponiamo che dopo 7 giorni dalla prima somministrazione si abbia una protezione del 50% e che dopo 7 giorni dalla seconda vaccinazione, somministrata a circa 20 giorni di distanza dalla prima, si abbia invece una protezione del 95% (3) per circa un mese;
  • assumiamo che la protezione data dal vaccino diminuisca nel tempo (abbiamo assegnato una probabilità di protezione via via inferiore ogni mese (5)).

Abbiamo ricavato che al 10 ottobre 2021 le persone protette saranno circa 8,5 milioni (linea verde del grafico), circa 1/5 del valore soglia dell’immunità di gregge (linea blu).

E se aumentassimo l’efficienza del sistema e riuscissimo a somministrare 100.000 vaccini al giorno? Al 10 ottobre il numero di persone protette sarà di circa 20 milioni (linea rossa), meno della metà del valore soglia.

 

Qual è la graduatoria delle regioni più virtuose?

 

Le regioni stanno somministrando tutte le dosi di vaccino a loro disposizione?

Rimandiamo alle pagine dedicate all’andamento della vaccinazione per il Covid-19, regione per regione:

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

 

Fonti e note

  1. Ministero della Salute – Piano strategico nazionale vaccinazione anti-COVID-19
  2. Fonte Ansa
  3. https://www.pfizer.com/science/coronavirus/vaccine
  4. Questo valore riporta il rapporto tra le dosi somministrate e le somministrazione necessarie per vaccinare il 70% della popolazione (identificato come valore soglia per l’immunità di gregge): abbiamo calcolato il 70% degli abitanti italiani e moltiplicato per 2 questo dato, in quanto i vaccini a disposizione fino ad oggi necessitano di 2 somministrazioni.
  5. Ad esempio, dopo il secondo mese abbiamo assegnato una protezione del 93%, dopo il terzo del 90%, e così via. Non possiamo ancora sapere con esattezza il valore di questi dati.

 

Per approfondire:

 

 

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. Maria

    Voglio morire di Astrazeneca, piuttosto che continuare con questo modo di vivere. E poi chissà ?

  2. Paolo

    274000 vaccinati in fvg sono circa il 20% della popolazione regionale che è di 1,25 milioni e, considerato che molti ultrsottantenni non sono ancora vaccinati e che le cosiddette categorie a rischio non dovrebbero superare i 60.000 addetti (sanita, polizie varie, scuola) secondo una mia opinabilissima ed approssimativa stima, chi altro è stato vaccinato visto che le persone con patologie e gli ultrasettantenni sembrano di la da venire?

    1. Samanta Zagani

      Buonasera Paolo, grazie del commento. Mi permetto solo di correggere i dati che lei riporta: dal report ufficiale troviamo che il numero di dosi somministrate ad oggi in Friuli Venezia Giulia è 174.687 (non 274.000). Siccome il dato si riferisce alle dosi somministrate e non alle persone vaccinate (al momento infatti sono necessarie due dosi di vaccino per ogni persona), possiamo stimare, in modo molto approssimativo, che le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino siano circa 85.000/90.000, o poco più.
      Su chi altro sia stato vaccinato al di fuori del piano di vaccinazione non saprei risponderle.
      Un saluto cordiale.

Lascia un commento