Consigli alimentari per contrastare o evitare il diabete

Consigli alimentari per contrastare o evitare il diabete

Consigli di alimentazione contro il diabete

Come ridurre l’impatto del diabete nella nostra vita?

MANGIANDO MEGLIO!

 

In questo articolo scriviamo alcuni consigli per migliorare la nostra alimentazione e mangiare meglio per evitare il diabete o per evitarne le complicanze se già abbiamo questa malattia.

I consigli che trovate in questa pagina quindi sono validi sia per i soggetti diabetici, sia per coloro che hanno una glicemia un po’ alta e vogliono evitare di diventare diabetici.

 

Perché dobbiamo seguire dei consigli alimentari per evitare il diabete o le sue conseguenze?

Perché i danni al nostro corpo dovuti allo zucchero nel sangue si formano quando la sua concentrazione nel sangue, la glicemia, ha degli sbalzi eccessivi, con un andamento come in questo grafico:

Questo invece è quello che accade quando si riesce a mantenere stabile nel tempo la quantità di zucchero nel sangue:

Se riusciamo a mantenere i valori della glicemia abbastanza stabili nel tempo, i danni procurati dallo zucchero ai nostri organi sono molto più limitati.

Vedremo ora tutta una serie di strategie e consigli volti a mantenere stabile nel tempo la concentrazione di zucchero nel sangue. Queste attenzioni ci consentiranno di preservare più a lungo tutti gli organi del nostro corpo ed avere una vita molto più sana nel tempo!

 

Come mangiare

Mangiare ad orari regolari frazionando l’alimentazione nei 3 pasti principali e in 2 spuntini.

 

 

Mangiare lentamente, masticare a lungo per permettere una buona insalivazione e quindi una
migliore digestione, oltre a raggiungere più facilmente il senso di sazietà.

 

 

Mangiare in quantità adeguata per mantenere il peso costante, se normopeso, e considerare una modesta riduzione delle porzioni e un modesto aumento dell’attività fisica per raggiungere un lento ma progressivo calo ponderale. Evitare le diete commerciali.

 

 

Variare il più possibile l’alimentazione, consumando prodotti freschi e di stagione, consumare regolarmente pane, pasta, cereali, frutta e verdura (5 porzioni al giorno).

 

Cotture e condimenti

 

Cotture consigliate:

al forno con aromi, senza aggiunta di grassi come condimento;

in umido solo con verdure senza aggiunta di grassi come condimento;

al cartoccio;

al vapore;

lessare;

ai ferri.

 

 

Condimenti consigliati:

  • Olii di origine vegetale e tra questi soprattutto l’olio extravergine di oliva (meglio se aggiunto a crudo dopo la cottura).
  • Limitare grassi di origine animale (burro, lardo, strutto, panna) o ad elevato contenuto di grassi saturi (olii tropicali come olio di palma, cocco).

 

Cosa e quanto bere

Bere, tutti i giorni, almeno un litro e mezzo di acqua, preferibilmente naturale.

 

Caffè e tè non zuccherati sono consigliabili in quantità moderata, eventualmente dolcificati con edulcoranti acalorici in quantità moderata (stevia)

 

Limitare l’uso dell’alcool, al massimo 1 bicchiere di vino o birra a pasto solo su consenso medico.

Limitare fino ad esclusione le bibite commerciali (cola, aranciata, pompelmo, chinotto…) e i succhi di frutta.

 

 

Suggerimenti:

Imparare a leggere l’etichetta dei prodotti nutrizionali, in particolare la lista degli ingredienti (sono in ordine decrescente di quantità) e controllare nello specifico il contenuto di carboidrati tra cui gli zuccheri. Il minore contenuto di zuccheri nel prodotto favorisce la salute, non si deve invece aver timore dei carboidrati complessi e della fibra.

 

Attenzione ai prodotti dietetici – meglio evitarli e mangiare i prodotti meno trasformati con minor numero di ingredienti.

 

Ridurre progressivamente l’uso di sale sia a tavola che in cucina

 

  • Limitare lo zucchero e tutti gli alimenti che lo contengono: caramelle, cioccolata, miele, marmellata, gelati, dolci e tutta la pasticceria in genere.
  • Tra la frutta meglio moderare il consumo di uva, fichi, cachi, perché sono frutti che contengono molto zucchero.
  • Limitare il consumo di frutta disidratata (uvetta, fichi secchi, albicocche secche) e la frutta sciroppata.

 

Mantenere una costante e regolare attività fisica, se possibile quotidiana. Per gli adulti almeno 150 minuti di attività aerobica moderata a settimana o 75 minuti di attività aerobica intensa, in sessioni di almeno 10 minuti consecutivi, ed esercizi per il rafforzamento dei muscoli 2 o più volte a settimana.

 

Questi che abbiamo elencato sono alcuni comportamenti alimentari molto sani che permettono di controllare meglio il diabete o di evitarlo per coloro che abbiano già la tendenza ad una glicemia piuttosto alta.

Per ulteriori consigli su come articolare i pasti principali, colazione, spuntino, pranzo e cena ti invitiamo a leggere questo altro articolo: Diabete: come strutturare i pasti colazione spuntini pranzo e cena

 

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

Fonti:

https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/linee-guida-per-una-sana-alimentazione-2018

 

Per approfondire:

Lascia un commento