Coronavirus 2019: traguardi terapeutici

Coronavirus 2019: traguardi terapeutici

Le terapie: come si uccide il Coronavirus?
Uso degli antivirali

Nei vari paesi del mondo nei soggetti contagiati dal virus, in particolare quelli più gravi, sono in corso dei test con combinazioni di farmaci usati nella terapia del HIV e nella terapia del virus dell’influenza.

In Thailandia

E’ stato utilizzata la combinazione di lopinavir/ritonavir con un farmaco anti-influenzale a dosi elevate (oseltamivir). La cura ha permesso il miglioramento dei pazienti,

In Cina

La TV cinese CGTN in data 5 febbraio ha dato notizia secondo cui i test preliminari hanno evidenziato che due farmaci antivirali sono in grado di neutralizzare il virus, in vitro. Si tratta dei farmaci Abidol e Darunavir. Invece il medicinale Kelizhi, un medicinale anti-HIV, sarebbe poco efficace nel trattamento.

In Italia

In italia di recente, nei due pazienti sottoposti a cura intensiva presso il centro Spallanzani, sono stati utilizzati con una terapia antivirale sperimentale a base di lopinavir/ritonavir (farmaco anti-HIV) e remdesivir, un altro farmaco anti-influenzale.

 

Qual è il limite di queste terapie?

Che sono innanzitutto sperimentali e non sono disponibili su larga scala. Sono stati utilizzati solo nei casi acuti e gravi proprio perchè in questi casi il rapporto rischio/beneficio è favorevole; non è consigliabile invece utilizzarli anche nei pazienti meno gravi perchè non è ancora stata comprovata la innocuità della combinazione dei farmaci; inoltre gli effetti collaterali, nei pazienti meno gravi, possono superare i benefici. Infine, si tratta di farmaci particolarmente costosi e prodotti in scala molto limitata, per cui non potrebbero essere comunque usati in una scala molto ampia data la produzione attualmente molto limitata.

 

Il vaccino: come si previene il Coronavirus?

Molte equipes sono all’opera nella creazione di un vaccino, che è la terapia definitiva per debellare l’infezione. Scopriamo in questo articolo a che punto è la ricerca in questa direzione!

 

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

Lascia un commento