Il Coronavirus è clinicamente risorto!

Il Coronavirus è clinicamente risorto!

Il Coronavirus è clinicamente risorto

 

Le esequie del Coronavirus

Era stato decretato clinicamente morto lo scorso luglio (1). Le esequie furono celebrate in pompa magna.

Coronavirus esequie clinicamente morto

Tutti gli altri virus parteciparono contriti per la prematura dipartita del loro compagno di scorribande.

Il Raffreddore col moccolo al naso e gli occhi arrossati dalla disperazione.

La povera Influenza disperata, con la febbre alta e il dolore ai lombi, piegata in due sulla bara. I suoi figli, i virus Parainfluenzali, A, B e C, usualmente a scorrazzare gioiosi, fermi impietriti davanti all’ineluttabile.

 

Il lockdown e l’agonia del Coronavirus

Eh sì. Non se la sono vista buona i virus la scorsa primavera. Hanno incontrato una risposta nuova ed inaudita da parte della popolazione umana. Che aveva steso il loro nuovo amico Coronavirus in una lunga agonia: il LOCKDOWN. Uno spettro mortale che aveva colpito duramente tutte le loro specie.

Perchè di solito erano abituati gioiosamente a saltellare da un essere umano all’altro durante le normali attività sociali.

La loro festa preferita era a scuola perchè saltellavano di banco in banco nella stessa classe, poi alla ricreazione, quando passavano da una classe all’altra, ma soprattutto dopo la scuola, quando tornavano a gruppetti o in autobus e si potevano allegramente infettare l’un l’altro. Ma anche in ufficio, durante le pause caffè, al cinema e agli stadi, al bar durante gli spritz quando le persone parlano una di fronte all’altra, oppure in palestra o a calcetto, quando le loro particelle venivano sparate fuori con un bello starnuto di quelli potenti o ansimando forte durante l’attività fisica collettiva.

Tutte queste belle cose con il lockdown erano sparite e tutte le fonti di contagio, azzerate. E il povero loro amico Coronavirus non riusciva più a dare segni di vita: una straziante agonia.

Clinicamente morto, hanno decretato. Che brutta fine per il nuovo compagno di giochi!

 

La profezia di Crisanti

Un giorno però un profeta si è levato a proclamare una nuova rinascita. Crisanti, l’Isaia dei tempi moderni, che annunciava il ritorno del Coronavirus in tutta la sua maestà (2). La nuova Cassandra. Il nuovo Laocoonte. Zittito: ormai le esequie erano state celebrate con grande soddisfazione di tutti.

Ma il Coronavirus era sempre rimasto lì. Non se ne era mai andato. Faticava a sopravvivere, ma con un contagio qui e un contagio là, riusciva ogni tanto a passare da persona a persona e a mantenersi quiescente. Non erano più i tempi del suo primo splendore, quando riusciva a terrorizzare tutti solo a pronunciarne il nome! Nella mentalità collettiva era solo un brutto ricordo. I suoi amici virus continuavano a compiangerlo convinti che non sarebbe mai più tornato, ma lui piano piano si rafforzava ed era pronto, oltre il cancello di Mordor.

E, finalmente, dopo le vacanze, la svolta. Il rientro a scuola dei bambini negli orari di punta assieme a tutti gli altri lavoratori, i bus e i metrò stipati come sempre, i bar all’aperto con gli spritz a brindare come l’orchestra del Titanic mentre la nave affondava.

 

La rianimazione del Coronavirus quiescente

Clinicamente morto? No, clinicamente quiescente. Poi lo abbiamo rianimato noi.

  • Rientro a scuola: 360 Joules: prima scarica!
  • Mancato distanziamento nei mezzi pubblici: seconda scarica!
  • Bar in piedi: terza scarica!

Ed il Coronavirus è clinicamente risorto. In tutta la sua potenza. Lo annunciano i nuovi angeli, i primari delle unità operative, spaventati da quello che può accadere ora: letti che di nuovo non saranno sufficienti, necessità di chiudere di nuovo le scuole per consentire il distanziamento sui mezzi di trasporto incapaci di garantire la giusta distanza.

La storia si ripete. I virus la studiano da piccoli, prima di diventare efficaci. Al contrario di noi umani, che la dimentichiamo troppo facilmente.

 

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

 

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

Note e fonti

  1. Zangrillo: il Coronavirus è clinicamemente morto
  2. Cristanti: il Coronavirus ritornerà

 

Per approfondire:

Lascia un commento