Uroflussometria: cos’è e a cosa serve

Uroflussometria: cos’è e a cosa serve

Uroflussometria

L’uroflussometria è un semplice test diagnostico utilizzato per calcolare la quantità e la velocità con cui l’urina viene eliminata durante la minzione. Si tratta di un esame non invasivo e verifica lo stato di salute del tratto urinario inferiore.

 

A cosa serve l’uroflussometria

Il medico può raccomandare un test dell’uroflusso se il paziente manifesta disturbi come:

L’esame viene utilizzato anche per testare il muscolo sfintere. Il muscolo sfintere è un muscolo circolare che si chiude strettamente intorno all’apertura della vescica e ne impedisce la fuoriuscita.

Misurando la velocità media e massima del flusso di urina, il test può stimare la gravità di qualsiasi blocco o ostruzione. Inoltre, attraverso l’esame, il medico urologo può identificare altri problemi, come una vescica indebolita o un restringimento uretrale.

Altre condizioni che possono influenzare il normale flusso di urina sono:

  • Ipertrofia prostatica benigna. Un ingrossamento benigno della ghiandola prostatica che di solito si verifica negli uomini di età superiore ai 50 anni. L’ingrossamento della prostata interferisce con il normale passaggio dell’urina dalla vescica. Se non trattata, l’ingrossamento della prostata può ostruire completamente la vescica. 
  • Cancro alla prostata o tumore alla vescica 
  • Incontinenza urinaria. Rilascio involontario di urina dalla vescica. 
  • Blocco urinario. L’ostruzione delle vie urinarie può verificarsi per molte ragioni lungo qualsiasi parte delle vie urinarie, dai reni all’uretra. L’ostruzione urinaria, se non trattata, può portare a un riflusso di urina e causare infezioni, cicatrici o insufficienza renale. 
  • Disfunzione vescicale neurogena. Funzione impropria della vescica dovuta a un’alterazione del sistema nervoso, come una lesione del midollo spinale. 
  • Frequenti infezioni del tratto urinario come le cistiti.

 

Come si esegue l’uroflussometria

L’uroflussometria viene eseguita facendo urinare una persona in uno speciale imbuto o un water particolare, chiamato uroflussometro, collegato a uno strumento di misurazione.

 

Uroflussometria

 

Lo strumento di misurazione calcola la quantità di urina, la velocità di flusso in secondi e la durata, fino al completamento della minzione. Queste informazioni vengono convertite in un grafico e interpretate da un medico. Le informazioni aiutano a valutare la funzione del tratto urinario inferiore e a determinare se c’è un’ostruzione al normale deflusso di urina. 

uroflussometria

Durante la minzione normale, il flusso inizia lentamente, ma accelera quasi immediatamente, fino a quando la vescica è quasi vuota; poi rallenta di nuovo, fino al completo svuotamento. 

Nelle persone con un’ostruzione delle vie urinarie, questo modello di flusso è alterato e aumenta e diminuisce più gradualmente. L’uroflussometro rappresenta graficamente le informazioni, tenendo conto del sesso e dell’età della persona. A seconda dei risultati della procedura, il medico può consigliare altri test. 

Altre procedure correlate che possono essere utilizzate per diagnosticare l’ostruzione del deflusso urinario o la disfunzione del tratto urinario inferiore includono cistometria, cistografia, cistografia retrograda e cistoscopia.

 

Come prepararsi all’esame

Un’ora prima di presentarsi all’esame è necessario bere un litro d’acqua (non gassata) ed evitare di urinare nelle due ore precedenti, perché il test deve essere effettuato a vescica piena. Quando lo stimolo minzionale sarà normale, non impellente, si procederà con l’esame.

Per una corretta e completa valutazione, il volume di urina non deve essere inferiore a 150 ml.

È importante informare il medico di tutti i farmaci e integratori a base di erbe che si assumono.

 

Rischi della procedura

L’uroflussometria è una procedura non invasiva, sicura per la maggior parte delle persone. Il test viene solitamente eseguito garantendo la massima privacy della persona.

Alcuni fattori o condizioni possono interferire con l’accuratezza dell’uroflussometria. Questi fattori includono: 

  • Sforzare durante la minzione 
  • Movimento del corpo durante la minzione 
  • Volume di urina inferiore a 150 ml

In questi casi può essere necessario ripetere il test.

 

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

 

 

 

 

 

Lascia un commento