Allergia al nichel – Una delle principali cause di dermatite allergica da contatto

Allergia al nichel – Una delle principali cause di dermatite allergica da contatto

Allergia al nichel

Che cos’è l’allergia al nichel?

L’allergia al nichel è una reazione abnorme del nostro sistema immunitario alla sostanza nichel.

Il nichel (Ni) è un metallo presente in natura. Lo troviamo nell’acqua, nel suolo, in molti alimenti (alcune verdure, legumi, frutta, cioccolato). Nell’industria è impiegato nella produzione di moltissimi oggetti di uso quotidiano (utensili da cucina, orologi, orecchini, braccialetti), dispositivi medici e applicazioni industriali.

L’allergia al nichel è una delle principali cause di dermatite allergica da contatto (DAC), tra le più frequenti malattie cutanee professionali.

 

 

Quanto è frequente l’allergia al nichel? Epidemiologia

La percentuale di soggetti allergici al nichel è sorprendentemente elevata.

In Europa la percentuale di allergici al nichel è tra l’8 e il 18%, più alta nell’Europa meridionale.

In Nord America, invece la frequenza media della sensibilità al nichel è stata del 17,5% e il 55,5% di queste reazioni è stato ritenuto clinicamente rilevante. (1)

Lo studio più rilevante, una meta-analisi di 28 studi, tra cui oltre 20.000 individui sottoposti a patch test della popolazione generale, la prevalenza aggregata dell’allergia da contatto era del 20,1%, con il nichel come l’allergene più comune. C’è una predominanza femminile. (2)

 

Quali sono le cause? Eziologia

L’allergia al nichel determina un tipo di dermatite causata dall’esposizione alla sostanza nichel.

Negli individui sensibili al nichel, l’ingestione di determinati alimenti (p. Es., Cioccolato, noci, avena, fagiolini, piselli) può favorire la Sindrome da allergia sistemica al nichel (SNAS) o portare a dermatite cronica. (3) I dispositivi impiantabili con componenti in nichel in particolare aumentano il rischio di una reazione sistemica.

La causa che porta a sviluppare l’allergia non è del tutto nota, ma viene in parte riferita a una predisposizione genetica.

 

Quali sono i sintomi di allergia al nichel?

L’anamnesi gioca un ruolo preponderante nella diagnosi della malattia. Questa prevede una revisione approfondita delle attività del paziente, compresi l’occupazione e gli hobbies. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata all’utilizzo di prodotti e oggetti di uso personale (es. cosmetici, tinture per capelli, fragranze, occhiali da vista, abbigliamento, gioielli).
L’allergia al nichel si può presentare in due forme principali: forma da contatto o forma sistemica.

Sintomi dell’allergia al Nichel da contatto

I sintomi più frequenti dell’allergia al nichel sono tipici di una dermatite da contatto che si presenta con:
  • pelle arrossata
  • forte prurito
  • gonfiore e bruciore
  • piccole vescicole
  • essudazione (se il contatto è prolungato)

Sintomi dell’allergia al Nichel in forma sistemica

Nel caso di Sindrome da allergia sistemica, quindi alimentare, si possono avere anche:

  • orticaria diffusa
  • prurito su tutto o gran parte del corpo
  • mal di testa
  • problemi digestivi e intestinali
  • spossatezza

 

Esame obiettivo

I risultati dell’esame obiettivo possono includere lesioni costituite da eritema, indurimento, placche di desquamazione, vescicole, bolle ed edema nella fase acuta.

 

Come si diagnostica l’allergia al nichel? Esami strumentali

La diagnosi di dermatite allergica da contatto è clinica e si basa sull’ottenimento di una buona anamnesi e di un esame obiettivo.

I test di laboratorio e radiografici non sono generalmente richiesti. La necessità di ulteriori esami deve essere determinata caso per caso ed è affidata a un immunologo o un dermatologo. Il patch test può aiutare a confermare i casi sospetti e identificare ulteriori allergeni.

 

Allergia al nichel: come evitarla?

Dato che è un problema molto diffuso vediamo ora come è possibile evitare l’allergia al nichel. Come è possibile agire?

La prima forma di trattamento per una sostanza allergica è la prevenzione. Questo significa evitare quanto più possibile l’esposizione con apparecchiature o sostanze contenenti il nichel.

Qualora vi fosse stato un contatto e compaiano i sintomi della dermatite allergica, allora è opportuno un trattamento con farmaci anti-allergici, generalmente topici, come pomate a base di anti-istaminici, cortisonici.

In caso di sindrome sistemica, invece, può risultare necessario un trattamento con gli stessi farmaci per bocca.

 

Fonti e note:

  1. analisi trasversale di oltre 44.000 pazienti sottoposti a patch testati dal North American Contact Dermatitis Group dal 1994 al 2014, da: Warshaw EM, Belsito DV, Taylor JS, Sasseville D, DeKoven JG, Zirwas MJ, Fransway AF, Mathias CG, Zug KA, DeLeo VA, Fowler JF, Marks JG, Pratt MD, Storrs FJ, Maibach HI. North American Contact Dermatitis Group patch test results: 2009 to 2010. Dermatitis.
  2. Warshaw EM, Zhang AJ, DeKoven JG, Maibach HI, Belsito DV, Sasseville D, Fowler JF, Fransway AF, Mathias T, Pratt MD, Marks JG, Zug KA, Zirwas MJ, Taylor JS, DeLeo VA. Epidemiology of nickel sensitivity: Retrospective cross-sectional analysis of North American Contact Dermatitis Group.
  3. Guerra L, Rogkakou A, Massacane P, Gamalero C, Compalati E, Zanella C, Scordamaglia A, Canonica WG, Passalacqua G. .Role of contact sensitization in chronic urticaria

Lascia un commento