COVID-19 e malattie respiratorie croniche

COVID-19 e malattie respiratorie croniche

Coronavirus e malattie respiratorie croniche

In questo articolo ci occupiamo di comprendere se i pazienti con malattie respiratorie croniche sono a maggior rischio di infezione e di complicanze da Covid-19.

 

Le malattie respiratorie croniche predispongono ad altre infezioni respiratorie

BPCO e Asma sono le malattie respiratorie croniche che colpiscono più frequentemente la popolazione.

La BPCO, o broncopneumopatia cronica ostruttiva, è una malattia prevenibile e trattabile che colpisce i bronchi caratterizzata da sintomi respiratori e dalla limitazione del flusso aereo.
La BPCO si manifesta con tosse cronica, molto spesso produttiva, dispnea, ovvero mancanza di respiro; la terapia si basa soprattutto su farmaci broncodilatatori a lunga durata di azione, ovvero il loro effetto dura tra la 12 e le 24 ore.
I farmaci broncodiltatori più usati appartengono alla categoria degli anti-muscarinici, farmaci sicuri e con pochi effetti collaterali, prevalentemente vertigine o secchezza.
A mano a mano che i sintomi peggiorano possono essere aggiunti in terapia altri farmaci broncodilatatori della categoria dei beta-2 agonisti e farmaci steroidei, sempre per via inalatoria.

L’asma è una malattia eterogenea, caratterizzata da infiammazione cronica dei bronchi e da ostruzione bronchiale reversibile: i bronchi da chiusi ed infiammati se trattati adeguatamente ritornano normali.
L’asma si cura nella maggioranza dei casi attraverso farmaci inalatori; esistono due tipi di farmaci: quelli che curano l’infiammazione, ovvero i cortisonici inalatori, e quelli che danno sollievo dai sintomi ovvero i broncodilatatori; i secondi non devono mai essere utilizzati da soli per il trattamento dell’asma.

Entrambe le malattie respiratorie croniche mantengono l’apparato respiratorio in una condizione di infiammazione cronica latente, anche se sotto controllo e mantenuta stabile dall’utilizzo dei farmaci.


Se sono affetto da malattie respiratorie croniche sono più a rischio di contrarre una infezione da COVID-19?


Nonostante l’alto numero di persone colpite dal COVID-19 ed i molti studi effettuati, non ci sono ancora studi specifici sui pazienti affetti da BPCO; è presente qualche studio invece sui pazienti affetti da asma.
I pazienti affetti da asma e BPCO non sembrano essere più colpiti dal Coronavirus rispetto al resto della popolazione.
Non è inoltre dimostrato che il virus possa causare frequentemente una riacutizzazione di asma o BPCO.

 


Se ho una malattia respiratoria cronica sono più a rischio di ammalarmi più severamente se contraggo una infezione da COVID-19?


In questo caso è necessario effettuare una distinzione tra i pazienti affetti da BPCO e da asma.
Nel primo caso infatti l’infezione può manifestarsi in forma più grave ed i pazienti affetti da una BPCO moderata o grave sono più a rischio di ricovero in terapia intensiva a causa della ostruzione severa dei bronchi dell’ età spesso avanzata, dalla presenza di altre patologie.

I pazienti asmatici invece sembrano non avere un rischio aumentato di gravi infezioni da Covid a meno che non sia in trattamento continuativo con sterodi assunti per via orale.

 


Cosa devo fare se sono affetto da una malattia respiratoria cronica e/o sto assumendo terapia con corticosteroidi inalatori?


Le evidenze fino ad oggi (unite al buon senso), ci dicono di non interrompere la terapia inalatoria per asma e BPCO; per prima cosa perché la terapia aiuta a proteggere dal rischio di una riacutizzazione della malattia che può essere ben più grave di una infezione da COVID-19, inoltre alcuni studi sembrano mostrare che la terapia steroidea inalatoria nei pazienti asmatici ha un effetto protettivo nei confronti del virus in quanto in grado di ridurre l’infiammazione e aumentare le difese nei confronti del virus.

Conclusioni

  • I pazienti con malattia respiratoria cronica non sembrano essere colpiti con maggiore frequenza dal Covid-19 rispetto al resto della popolazione. 
  • I pazienti con BPCO sono a maggior rischio di complicanze da Covid-19 rispetto al resto della popolazione

 

Dott.ssa Laura Mancino Pneumologa

Dott.ssa Laura Mancino, Pneumologa

 

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.


Fonti:

 

Per approfondire:

Lascia un commento