You are currently viewing La visita ortopedica: come funziona e per quali problemi è indicata

La visita ortopedica: come funziona e per quali problemi è indicata

La visita ortopedica

 

Cos’è una visita ortopedica

Una visita ortopedica è una valutazione professionale eseguita da un medico specialista in ortopedia e traumatologia, dedicata alla verifica dello stato di salute dell’apparato locomotore (ossa, muscoli e articolazioni) in termini di struttura e funzionalità.

 

A cosa serve?

La visita ortopedica è necessaria per la diagnosi di patologie croniche, acute o degenerative, alterazioni dell’apparato muscolo-scheletrico o disturbi di origine traumatica.

 

Come funziona una visita ortopedica?

La visita inizia con una dettagliata anamnesi del paziente.

Come prima analisi lo specialista ortopedico si informa sul motivo della visita e sul tipo di sintomi che il paziente accusa, in particolare:

  • Quali sono i sintomi del problema
  • Quando sono iniziati i sintomi
  • Se sono ricorrenti o se è la prima volta che si manifestano
  • Se si tratta di un dolore, che tipo di dolore accusa come si acuisce e come regredisce

Dopo essersi focalizzato sui sintomi, il medico ortopedico in genere ricostruisce la storia clinica del paziente, cercando di farsi un’idea su:

  • Abitudini
  • Stile di vita
  • Tipo di lavoro
  • Traumi pregressi
  • Interventi chirurgici
  • Malattie in famiglia
  • Farmaci assunti
  • Sport praticati

 

Esame obiettivo

La visita prosegue con un esame obiettivo, durante il quale l’ortopedico valuterà parametri funzionali come:

  • Postura del soggetto
  • Forza muscolare e mobilità delle strutture coinvolte nel problema
  • Presenza di gonfiori, tumefazioni ed altri segni di infiammazione
  • Localizzazione dell’eventuale dolore
  • Presenza ed efficacia dei riflessi

 

Esami diagnostici

Se necessario l’ortopedico prescriverà alcuni esami diagnostici di approfondimento:

Qualche volta potrebbe richiedere anche altri esami, meno legati direttamente alla patologia di sua pertinenza, ma utili alla diagnosi differenziale con altre malattie:

 

Per quali sintomi è consigliata la visita ortopedica?

È opportuno recarsi dallo specialista ortopedico quando si hanno sintomi che interessano le ossa, i muscoli o le articolazioni:

  • Alluce rigido o valgo
  • Cervicalgia o cervicobrachialgia
  • Dolore all’anca o coxalgia
  • Dolore alla spalla
  • Mal di schiena, detto anche dolore lombare o lombalgia
  • Dolore sciatico o Lombosciatalgia
  • Dolore al metatarso
  • Dito a martello
  • Dito a scatto
  • Gonalgia o dolore al ginocchio
  • Metatarsalgia
  • Sciatalgia

 

Quali malattie si possono nascondere dietro questi sintomi e possono essere identificate durante una visita ortopedica?

Ne citiamo alcune:

  • Alluce valgo
  • Artrite reumatoide
  • Artrosi scapolo-omerale
  • Artrosi dell’anca o coxartrosi
  • Borsite
  • Artrosi del ginocchio
  • Cifosi
  • Cisti sinoviali (tendinee)
  • Displasia di anca
  • Distorsione alla caviglia
  • Epicondilite o gomito del tennista
  • Epitrocleite o gomito del golfista
  • Ernia del disco
  • Fascite plantare
  • Fibromialgia
  • Gotta
  • Lombosciatalgia
  • Osteoporosi
  • Pubalgia
  • Spondilolistesi
  • Traumi sportivi
  • Tunnel carpale

 

Quale sarà la terapia consigliata dall’ortopedico?

La terapia che verrà suggerita è diversa a seconda del problema rilevato durante la visita ortopedica.

Le possibili terapie sono di natura medica, fisica o chirurgica.

La terapia medica consiste nella prescrizione di farmaci, spesso anti-infiammatori. Di norma i problemi di natura ortopedica per cui si presentano i pazienti sono in qualche misura correlata con un’infiammazione acuta o cronica. Spesso il trattamento dell’infiammazione è in grado di ridurre i sintomi del paziente e di migliorare la situazione in combinazione con le altre terapie.

La fisioterapia può essere svolta come terapia univoca o in abbinamento con altre forme di terapia (chirurgica o farmacologica). Essa mira al recupero funzionale della struttura che presenta dei problemi in modo guidato, facendo eseguire al paziente movimenti corretti e in sicurezza oppure svolgendoli in modo diretto prima che il paziente possa farli in autonomia.

La terapia chirurgica si utilizza in genere quando le altre terapie medica e fisioterapica non sono state sufficienti a risolvere il problema in atto.

Esempi di terapia chirurgica sono:

  • Artroscopia del ginocchio con riparazione dei legamenti
  • Sostituzione dell’anca con protesi
  • Sostituzione del ginocchio con protesi

 

Ci sono precauzioni da seguire prima di svolgere una visita ortopedica?

Prima della visita ortopedica sarebbe opportuno interrompere l’assunzione di farmaci antinfiammatori o cortisonici, perché il medico possa valutare il quadro sintomatologico reale.

Per una più completa raccolta di informazioni, è consigliabile prepararsi alla visita ortopedica portando con sé con tutti i documenti e referti di visite, esami e analisi precedenti.

 

 

dottor sabri dlimi

Dott. Sabri Dlimi, Chirurgo Ortopedico

 

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato sulle nostre prossime pubblicazioni clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

 

 

Lascia un commento