L’ascesso pancreatico

L’ascesso pancreatico

L’ascesso del pancreas

In questo articolo ci occupiamo dell’ascesso pancreatico.

 

Che cos’è l’ascesso pancreatico?

E’ una raccolta di materiale purulento in prossimità del pancreas.

 

E’ un disturbo frequente? Epidemiologia

E’ una malattia per fortuna piuttosto rara e accade raramente in modo spontaneo; è in genere una complicanza di una pancreatite acuta.

 

Quali sono le cause? Eziologia

La causa principale di un ascesso del pancreas è una infiammazione acuta a carico del pancreas, ovvero una pancreatite acuta.

 

Come si forma l’ascesso? Fisiopatologia

L’infiammazione acuta del pancreas determina una parziale fuoriuscita degli enzimi pancreatici dalle cellule del pancreas. Questi enzimi, le amilasi e le lipasi ed altri, digeriscono altre cellule pancreatiche, costituendo una reazione a catena che infiamma ulteriormente l’organo e crea delle raccolte di liquido misto a cellule morte.

Queste raccolte possono essere soggette a sovrainfezione da parte di batteri, in genere contenuti nell’intestino, che possono traslocare in sede e trovare facilmente in queste raccolte un luogo adeguato per proliferare.

In questo modo vengono richiamati nell’ascesso i globuli bianchi e si crea la raccolta purulenta.

 

Quali sono i sintomi e i segni clinici? Anamnesi ed esame obiettivo

Non esistono sintomi o segni tipici dell’ascesso pancreatico. Generalmente il paziente presenta i sintomi tipici di una pancreatite acuta, con l’aggiunta della febbre e della leucocitosi molto elevata. Vediamoli da questo articolo:

 

Come si fa la diagnosi di ascesso del pancreas?

Con la TAC l’ascesso pancreatico si evidenzia in genere come una raccolta circoscritta di materiale in prossimità del pancreas, con la presenza di bolle gassose all’interno della raccolta stessa.

 

Diagnosi differenziale dell’ascesso del pancreas

La diagnosi differenziale più importante dell’ascesso pancreatico è la necrosi infetta del pancreas. Infatti l’ascesso ha contenuto purulento che può essere rimosso con un drenaggio, un’aspirazione percutanea eco- o tac-guidata. La necrosi infetta invece non può rimanere all’interno dell’organismo e non può essere aspirata (1), ma deve essere rimossa con un intervento chirurgico molto rischioso.

Alla TAC l’ascesso del pancreas corrisponde ad una zona fluida che non incrementa il segnale dopo l’iniezione di mezzo di contrasto ed è in genere adiacente a tessuto pancreatico normale, che incrementa invece il segnale. La necrosi infetta invece alla TAC è una zona solida che non incrementa il proprio segnale con il mezzo di contrasto.

 

Ha conseguenze pericolose?

L’ascesso pancreatico è una complicanza temibile dell’infiammazione pancreatica. Può essere particolarmente grave ed ha una percentuale di letalità molto elevata.

 

Qual è la terapia per l’ascesso pancreatico?

La terapia per l’ascesso pancreatico prevede in prima battuta l’utilizzo di antibiotici ad ampio spettro. La terapia risolutiva spesso si ottiene rimuovendo il contenuto purulento dell’ascesso con un ascesso con un drenaggio che viene applicato per via percutanea eco- o tac-guidata ed aspirando il contenuto infetto.

 

 

Med4Care Marco De Nardin

Dott. Marco De Nardin

Note

  1. a meno che non sia tutta colliquata, il che la fa assomigliare comunque a livello pratico ad un ascesso

Lascia un commento