Diagnosi di pneumotorace

Diagnosi di pneumotorace

La diagnosi di pneumotorace

Lo pneumotorace è una patologia ad insorgenza acuta che vede la presenza di aria all’esterno del polmone, fino a schiacciarlo e creargli problemi di espansione. Può essere di gravità variabile, da un problema minore ad una minaccia per la vita. Vediamo in questo articolo come si svolge la diagnosi di questa malattia.

 

Sintomi dello pneumotorace: anamnesi

I sintomi principali che riferisce un paziente che ha un pneumotorace sono:

 

Caratteristiche del dolore al torace nel pneumotorace

Il dolore al torace è di natura “pleurica”, cioè in una sola parte del torace, spesso puntoreo, cioè localizzato in un punto molto preciso. Si accompagna e si esacerba con le escursioni della gabbia toracica, che causano lo sfregamento delle pleure una sull’altra. Il dolore da pneumotorace può essere dipendente dalla posizione e dai movimenti.

 

Gli altri sintomi, la dispnea, la tachipnea e la mancanza di respiro sono tutti legati ad un’eventuale insufficienza respiratoria conseguenza dello pneumotorace. Per dare importante segno di sé lo pneumotorace deve essere o molto esteso (pneumotorace massivo) oppure deve essere presente in concomitanza con un’altra malattia respiratoria, come BPCO ad esempio, che già riduce l’efficienza della ventilazione polmonare.

In caso di una condizione impegnativa associata ad insufficienza respiratoria, possono comparire sintomi più seri, quali:

  • ipossia
  • cianosi
  • ipercapnia
  • confusione mentale, fino al coma

 

I segni obiettivi per la diagnosi dello pneumotorace

La ricerca dei segni obiettivi al torace è fondamentale solo nei casi di urgenza/emergenza dove non è disponibile nell’immediato un esame strumentale per immagini per confermarne la presenza. In questo caso, nell’urgenza, l’esame obiettivo del torace è quasi sempre in grado di rilevare lo pneumotorace.

  • ispezione → Nel caso di pneumotorace di grado significativo di un intero lato nei casi più clamorosi si può vedere che la porzione di torace, dove è localizzato lo pneumotorace, risulta più espansa;
  • percussione → si esegue dall’alto verso il basso in modo comparativo (simmetrico). Il suono fisiologico è timpanico, mentre se aumenta l’aria aumenta la vibrazione e quindi si determina un ipertimpanismo;
  • auscultazione → il suono fisiologico di murmure vescicolare risulta abolito.

 

Esami strumentali per la diagnosi di pneumotorace

Radiografia del torace nella diagnosi di pneumotorace

La radiografia del torace è la principale tecnica diagnostica per visualizzare un’immagine oggettiva dello pneumotorace. La radiografia del torace permette di visualizzare alcune caratteristiche della patologia:

  • comparsa della linea pleurica;
  • presenza di aria nella cavità pleurica, visibile come una zona a maggior radiotrasparenza;
  • disallineamento del mediastino, che non presenta più l’asse fisiologico ma risulta spostato nella direzione opposta allo pneumotorace a causa della pressione che viene esercitata dalla presenza patologica dell’aria;
  • spazi intercostali più ampi che di norma.

 

ECOGRAFIA del torace nella valutazione dello pneumotorace

Oggi l’ecografo è il nuovo fonendoscopio. Una delle applicazioni nell’ecografia d’urgenza del torace è proprio la valutazione indiretta della presenza di uno pneumotorace.

In questo caso si posiziona una sonda lineare a frequenza medio-alta sul torace, alla ricerca della linea pleurica su entrambi gli emitoraci in più posizioni.

Visualizzando la linea pleurica si può apprezzare il movimento, l’escursione della linea pleurica, oscillante avanti e indietro e questo conferma che la pleura è aderente al polmone e che c’è il normale movimento. Se invece l’escursione della linea pleurica è assente, significa che siamo in presenza di pneumotorace.

 

TAC del torace nella diagnosi dello pneumotorace

L’indagine gold standard per la visualizzazione dello pneumotorace è e rimane la TAC del torace. Con essa è possibile vedere l’entità dello pneumotorace con la massima precisione, in modo tridimensionale. Essa consente anche di valutare la migliore sede per il posizionamento di un drenaggio toracico per la terapia.

 

Diagnosi differenziale

  • Tamponamento cardiaco: avendo i medesimi segni e sintomi dello pneumotorace iperteso (ipertensione, distensione della vena del collo, difficoltà respiratorie), il modo più efficace per distinguere le due patologie è l’auscultazione, poiché lo pneumotorace non presenta alcuni suoni respiratori nell’emitorace colpito e ipertimpanismo;
  • Versamento pleurico: dà una sintomatologia molto simile, ma vede lo spazio pleurico occupato da una sovrabbondanza di materiale liquido;
  • Dolore toracico semplice;
  • Embolia polmonare, ovvero l’ostruzione delle arterie polmonari da parte di un trombo;

 

Lascia un commento